Sofia Airport Centre

Sofia Airport Centre

Cigler Marani Architects

UN CENTRO COMMERCIALE ECO-FRIENDLY

L’ambizioso nuovo sviluppo del Sofia Airport Centre (SAC) fissa nuovi standard per gli edifici per uffici e ad uso logistico in Bulgaria. Questo centro su vasta scala esalta la sostenibilità e il design ecocompatibile. Situato in posizione strategica a 300 metri dall’aeroporto internazionale di Sofia, sullo snodo di tutte le strade principali, il Sofia Airport Centre assicura un facile accesso ai mezzi di trasporto terrestri e aerei per aziende dinamiche e lungimiranti. L’appezzamento vicino all’aeroporto internazionale di Sofia, che poco tempo fa era campagna, è indicato per lo sviluppo di centri logistici e edifici con uffici. Con i suoi 165.000 metri quadri di area totale, il Sofia Airport Centre, presenta un concept distintivo individuale che incorpora tre elementi centrali: un Centro logistico di 22.000 m2, un Centro per uffici di classe A da 100.000 m2 (certificato LEED) e un hotel di qualità elevata da 250 stanze. L’intero progetto sarà realizzato in due fasi. La prima fase comprende la costruzione di un edificio a uso ufficio e tre edifici a uso logistico, la seconda l’hotel a 13 piani e i rimanenti tre edifici ad uso ufficio. Il piano regolatore e il design architettonico sono stati creati dallo studio Cigler Marani Architects, situato a Praga e condotto da Jakub Cicgler e Vincent Marani. Il piano regolatore prevede un centro commerciale di tipo chiuso. Tutti gli edifici saranno situati lungo il perimetro del lotto, racchiudendo un’ampia corte rettangolare panoramica con un laghetto artificiale, creando un’area ricreativa interna, aperta sia ai collaboratori che al pubblico. L’hotel a 13 piani donerà un accento verticale al complesso, affacciandosi sui due viali paralleli che portano all’aeroporto. I tre volumi degli edifici a uso ufficio, sviluppati in senso orizzontale, con altezza pari a 20 metri, presenteranno un orientamento Nord-Sud, con ristoranti e lunghi vestiboli che si affacciano sulla corte.

La parte industriale logistica è posizionata in maniera funzionale verso la fine dell’area, con un’entrata separata per le consegne. Gli edifici ad uso ufficio e logistico completati presentano basi modulari uniformi per fornire la massima flessibilità per le esigenze dei locatari. Il tratto longitudinale con uffici è interrotto da volumi perpendicolari che aggiungono plasticità all’edificio e forniscono il massimo della luce naturale per soddisfare i requisiti elevati della certificazione LEED, uno standard ampiamente riconosciuto per la misurazione della sostenibilità degli edifici. La struttura dell’edificio è inoltre mantenuta uniforme da colonne circolari e nuclei rigidi interni con scale di evacuazione. L’elemento autoportante della facciata dell’edificio ad uso ufficio, visibile dai due viali, si distingue per il suo aspetto semplice, usuale per l’architettura bulgara. L’elegante vetro di alta qualità e la copertura in alluminio ricordano costantemente che il segreto è nei dettagli. I piani terra sono completamente vetrati in modo che l’edificio risulti come diviso da terra. Ai piani superiori la ripetizione ritmica della vetrata da pavimento a soffitto con strisce sottili e solide dona alla facciata un aspetto dinamico e slanciato. La facciata viene movimentata dalla ripetizione di due moduli di base quasi delle stesse dimensioni di 1250 x 3750 mm. Una è completamente vetrata mentre l’altra è composta da pannelli in alluminio della larghezza di 50 cm.

SOLUZIONI A PROGETTO

La facciata basata sul sistema Reynaers CW 86-EF/HI doveva soddisfare vari requisiti tecnici e di design.

Essa doveva essere adattata al concept ecocompatibile del complesso, oltre a ridurre in maniera significativa la rumorosità causata dall’aeroporto e dalle autostrade. Questo ha determinato lo sviluppo di profili e accessori su misura e un design speciale per i bordi dell’edificio. Da test acustici e relativi agli agenti esogeni è emerso che la facciata creata su misura riduce al minimo il rumore a 45 dB e presenta buone proprietà antisismiche e coibentanti. La facciata inoltre aiuta a ridurre il consumo energetico dell’edificio grazie all’impiego di fonti rinnovabili quali la luce naturale, finestre con doppi vetri e una vetrata con doppio rivestimento. La personalizzazione del sistema CW 86-EF è stata effettuata anche per un motivo estetico. Gli architetti, sempre attenti anche al minimo dettaglio, hanno richiesto profili più sottili per la facciata, quindi sono stati prodotti profili con bordi listellati di 0,5 mm. Un altro dettaglio interessante stabilito dagli architetti è stato il sistema di ventilazione naturale della facciata. Al posto di finestre apribili essi hanno progettato ‘valvole’ integrate nelle strisce in alluminio della facciata. Il Sofia Airport Centre è divenuto un punto di riferimento per lo sviluppo sostenibile e intelligente sotto ogni aspetto, dal concept macroscopico iniziale ai dettagli del processo costruttivo.

Serramentista: 
Kristian Neiko 90 LTD
Architetto: 
Cigler Marani Architects
Località: 
Sochi, Bulgarije View on map
Fotografo: 
Kiril Konstantinov
Altri partner: 
Tishman International Management Ltd. (Investors) CO-VER (General contractors)
Sistemi Reynaers utilizzati: